" Questo Blog lo dedico ai folli. Agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Costoro non amano le regole, specie i regolamenti e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro; potete glorificarli o denigrarli ma l’unica cosa che non potrete mai fare è ignorarli, perchè riescono a cambiare le cose, perché fanno progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli noi ne vediamo il genio; perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo lo cambiano davvero. Da "Think different"


Cerca nel web

Ricerca personalizzata per i videomaker

07/12/13

La Coop e la Monsanto: UPDATE

 Non parlo di video e dintorni, ma di qualcosa di molto grave che ho visto per caso oggi andando a fare la spesa all'IperCoop.
Purtroppo per tutti loro, ho il brutto vizio di cercare di capire da dove arriva la frutta e la verdura, dato che che spacciano nel loro newsletter, la trasparenza e tracciabilità. Ora poi ho anche un motivo in più con il pupo, a cui non voglio, se evitabile, dare da mangiare prodotti della bio ingegneria psicopatica populista.
E invece guardate qua!!

Ecco un fulgido esempio di trasparenza e di presa per il culo contemporanea, in perfetto stile italiota che comanda: io dico e faccio tutto e il contrario di tutto e tu che c. vuoi?
Ti vendo il pollo "No Ogm" e poi ti ripasso il pomodoro MAS... e chissà quant'altro che non sò e che non viene scritto...

Se la Coop sono io, allora niente pomodori pachino che sono tutti modificati come raccontato nel dettaglio dei commenti di quest'articolo sulla scienza in cucina. Questi signori danno per scontato che oggi si utilizzino varietà modificate geneticamente, magari non transgeniche, ma prodotti della biotecnologia si. Fra l'altro interessante che i primi a introdurre i pomodori a grappolo in formato piccolo più utile SOLO alla grande distribuzione fossero israeliani. Nell articolo citato non si spiega quanto ci guadagnino a spacciare i loro semi, ma oggi come si legge in etichetta, il monopolio è della Monsanto, azienda che gode di pessima reputazione anche a casa loro, dato che il loro mais ha creato parecchi problemi anche negli States fino alla distruzione dei campi da parte degli agricoltori.

Come spesso ho scritto, il male peggiore per questo paese sono gli ex 68ini, come generazione e come politici e imprenditori. Si venderebbero e si vendono, figlie, madri e sorelle senza tanti scrupoli.

Provare per credere? Ecco qua, 2002, interrogazione ad Alemanno allora Ministro per l'Agricoltura (?!)
" Al Ministro delle politiche agricole e forestali, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro della salute. - Per sapere - premesso che:
la ditta catanese di nome COIS 94 è la maggiore, e forse l'unica, distributrice di semi per la coltivazione del pomodorino di Pachino in Italia;
sembra che questi semi vengano prodotti in Israele dalla multinazionale Hazera genetics;
il pomodorino di Pachino rappresenta una grande risorsa nella già soffocata economia siciliana, risorsa legata però ad un monopolio di fatto gestito da una ditta israeliana;
le vicende di guerra che affliggono la Palestina potrebbero determinare cambiamenti sull'Hazera e di conseguenza modificare quindi la distribuzione di queste sementi e infine il lavoro di migliaia di persone in Italia -:
se i ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti e se questi corrispondano al vero;
quali provvedimenti intendano intraprendere affinché vengano predisposti controlli su queste sementi provenienti da Israele tali da verificare o meno la loro origine genetica;
quali provvedimenti intendano intraprendere per favorire la produzione Italiana di questi semi, di origine controllata e a prezzi ridotti per salvaguardare la manodopera e il lavoro di tanti coltivatori italiani di questo prodotto, nello specifico della Sicilia, che non si troverebbero più legati ad un monopolio straniero e per giunta legato all'andamento di una guerra.
(4-03023)

Risposta. - In merito alla problematica evidenziata, si fa presente che non risulta agli atti di questa Amministrazione alcun riferimento all'importazione in Italia di sementi della varietà di pomodoro «Pachino».
La varietà di pomodoro «Pachino» è iscritta dal 20 marzo 1995 nel Registro nazionale delle varietà di sementi di specie ortive, ai sensi della legge del 20 aprile 1976, n. 195, nonché in quello Comunitario.
Il legittimo responsabile della conservazione in purezza è la Ditta COIS 94 - Corso Sicilia, 24 - Catania.
L'eventuale importazione di materiale ascrivibile alla varietà in oggetto da Paesi terzi equivalenti per la categoria standard può legittimamente avvenire senza alcuna limitazione e/o autorizzazione, fatti salvi i controlli dei Servizi Fitosanitari Regionali operanti presso gli Uffici doganali nazionali e dell'Ispettorato centrale repressione frodi.
Pertanto, per quanto di competenza di questa Amministrazione, non si può che assicurare la massima attenzione da parte dei servizi di controllo.
Il Ministro delle politiche agricole e forestali: Giovanni Alemanno."

Nessun commento: