" Questo Blog lo dedico ai folli. Agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Costoro non amano le regole, specie i regolamenti e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro; potete glorificarli o denigrarli ma l’unica cosa che non potrete mai fare è ignorarli, perchè riescono a cambiare le cose, perché fanno progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli noi ne vediamo il genio; perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo lo cambiano davvero. Da "Think different"


Cerca nel web

Ricerca personalizzata per i videomaker

08/04/08

News: Final Cut Server è pronto!


Ma che bel "giocattolo" per chi ha uno Studio con 2 o 3 o più stazioni FCP ! Final Cut Server che proviene dall'acquisizione da parte di Apple di una società che sviluppava un prodotto per il Content management e Workflow, finalmente è in vendita e shipping.
Dalle caratteristiche descritte sembra proprio uno di quei software di cui non si può fare a meno se si ha uno studio di post produzione o di produzione che includa anche la post o ancor più un canale televisivo anche IP.

E' ovviamente un sistema per catalogare, organizzare tutti i materiali che concorrono alla realizzazione di un video/film/programma, ma soprattutto è un sistema che verifica e dialoga automaticamente con lo stato di ogni progetto di ogni software di Final Cut Studio che è in lavorazione e connesso al Server. La cosa interessante è la possibilità di condividere un progetto con altri anche a distanza, purché connessi in rete LAN (cosa semplicissima se in città diverse si è tutti su Fastweb ad es.). In ogni momento chiunque può mandare in automatico una mail o un avviso che il montaggio o la colonna sonora o la videografica è pronta per una verifica con il regista o la produzione o l'editor, questi possono poi annotare eventuali modifiche e rimetterlo in fase di montaggio, oppure approvarlo e "mandarlo" a Compressor perché ne faccia le conversioni per DVD o Web o in altro standard per la consegna al cliente. Se invece siete all'interno di una struttura televisiva, anche IPTV, potete mandare il progetto allo Streaming Server per la messa in onda o renderlo disponibile per il regista del programma live.
Il software costa poco, come nella politica di Apple FCP, $ 999 per 10 stazioni max collegate e l'altra cosa interessante è che non c'è bisogno di un Xserver, ma basta un "vecchio" G5 da 1.8 Ghz che però deve girare con Leopard 10.5.xx, invece chi si connette all' FCP Server può tranquillamente far girare Tiger 10.4.11... come facciamo noi in attesa che Leopard si stabilizzi...!
Nelle pagine linkate vari filmati dmostrano le possibilità e ci sono già alcuni Tutorial online.

P.S.
Appena riceverò la necessaria autorizzazione dall'autore ritornerò sull'altro strumento di collaborazione online, Celtx.

Nessun commento: